Sergio Ban – “Scudo Magico”

 1.800,00

1988 ca. – Tecnica mista su legno intagliato
+ foglia oro – misure: h 66 x L 50,5  x p5 cm

Disponibile

Descrizione

Sergio Ban – “Scudo Magico”
1988 ca. – Tecnica mista su legno intagliato + foglia oro
misure: h 66 x L 50,5  x p5 cm.
opera Garantita, non firmata nè datata.

Garanzia: Soddisfatti o rimborsati 100%
entro sette giorni dalla consegna su tutti i prodotti
(conservare la ricevuta)

La vendita è attiva solo per il territorio italiano

Opera inserita per conto del collezionista GABRIEL
Consegna Gratuita

Sergio Ban (Fiume, 22.6.1948 – Sermoneta, 2.6.2010).
Nei primi anni ’50, ancora bambino, visse l’esodo dei 15.000 profughi fiumani-dalmati trasferiti nel Lazio e venne destinato a Latina insieme alla famiglia.

Dopo aver frequentato l’Istituto d’Arte di Velletri, seguendo i corsi di scultura su legno, ceramica e oreficeria, continuò gli studi all’Accademia di Belle Arti di Roma diplomandosi in scenografia con Toti Scialoja (1914-1998).
In parallelo alle sue esperienze sperimentali di scultura, pittura, incisione, ceramica e scenografia, Ban fondò insieme al padre Giovanni (1908-1983), noto ebanista, un laboratorio di design nel campo dell’arredamento artistico; gli esiti raggiunti in questo campo sono una testimonianza eloquente della sua continua ricerca stilistica che, traendo ispirazione dal Simbolismo e dall’Art Nouveau mitteleuropea, rinnova nei nostri giorni il gusto per l’allegoria, il protagonismo della decorazione, la commistione dei materiali nel mondo delle arti applicate.

Le prime importanti esperienze espositive risalgono agli anni ’70; tra di esse va ricordata almeno la partecipazione alla “X Quadriennale Nazionale d’Arte” di Roma del 1975.
Si dedicò con passione anche all’incisione calcografica, realizzando una serie di cartelle di grandi dimensioni e organizzando in seguito corsi di grafica in Italia e all’estero.

Nel 1976 fondò “Grafica Blù”, spazio espositivo di ‘artisti liberi’ e disegnò numerose scenografie per compagnie di teatro sperimentale tra i quali “Il Baule”.
Un anno più tardi diede vita insieme a Massimo Pompeo e Alberto Serarcangeli all’associazione di arti visive “Il Melograno” che operò realizzando corsi di pittura, incisione, scultura e ceramica: fu la prima di una lunga serie di esperienze didattiche che hanno lasciato un profondo segno nel tessuto pontino.

Nel 2005, insieme a Giuliana Bocconcello, Vincenzo Scozzarella e Antonino Casarin, fu tra gli ispiratori e i protagonisti di MAD rassegna d’arte contemporanea curata da Fabio D’Achille.

Sue opere sono oggi conservate presso importanti collezioni private e pubbliche in Italia e all’estero; alcune di esse di grandi dimensioni sono inserite in significativi contesti architettonici nazionali.

sito web: www.sergioban.org

Share Button

There are no reviews yet.

Add your review